Dollaro australiano stabile mentre RBA riduce il tasso atteso di coronavirus

Vi sono segnali che il dollaro australiano è stabile, dato che la Reserve Bank of Australia ha previsto un taglio del tasso del Coronavirus. La Reserve Bank of Australia ha dichiarato che taglierà i tassi di interesse per aiutare a stimolare l’economia e dare un impulso alla crescita. Questa è la prima mossa della RBA dal marzo dello scorso anno e viene interpretata come un segnale che la Reserve Bank of Australia aumenterà presto il suo tasso di prestito di riferimento.

La crescita economica dell’Australia è stata lenta negli ultimi sei mesi e le previsioni economiche della Banca d’Inghilterra richiedono una crescita inferiore nei prossimi tre anni. Secondo la Banca d’Inghilterra, in quel momento l’Australia sarà l’unico paese del G7 con una crescita economica negativa. Con l’economia del Regno Unito in ripresa e l’India che mostra alcuni segnali di ripresa, la Banca d’Inghilterra ritiene che il futuro appaia luminoso per molte economie.

Quando la Reserve Bank of Australia effettuerà il prossimo taglio dei tassi di interesse, potrebbe avere due impatti positivi e negativi sul dollaro australiano. Contribuirà a dare impulso all’industria del turismo, che dovrebbe contribuire a dare una spinta anche all’economia e alla fiducia in Australia.

Tuttavia, potrebbe anche significare che le previsioni dei partecipanti al mercato del dollaro australiano che raggiungono la parità con il dollaro USA stanno diventando una possibilità. Con le previsioni del turismo che cresceranno sostanzialmente nei prossimi due anni, l’indice dei prezzi al consumo potrebbe aumentare ancora di più e inviare il dollaro ancora più in alto. Ciò metterebbe una certa pressione sul dollaro australiano.

Mentre la Banca d’Inghilterra afferma che un aumento dell’indice dei prezzi al consumo non è nei suoi interessi, la RBA probabilmente si aspetta una forte spinta a seguito della riduzione dei tassi bancari. Ci sono anche timori che il paese possa lottare per far fronte al boom delle economie indiana, cinese ed europea.

L’analisi del governo prevede che un aumento dell’indice dei prezzi avrà un impatto positivo sull’economia australiana. In tal caso, un dollaro australiano più basso sarebbe molto positivo per il paese.

Tuttavia, vi sono dubbi sul fatto che l’aumento dell’inflazione e il deflusso di capitali non possano essere evitati. E con la crisi finanziaria globale ancora agli inizi, il potenziale di una recessione internazionale continua a destare preoccupazione.

È probabile che l’annuncio della riduzione dei tassi di quest’anno da parte della RBA si concentrerà sul mercato immobiliare. Con la bolla del mercato immobiliare che sembra esplodere e le agenzie governative già coinvolte, le domande chiave saranno quando crollerà il mercato immobiliare?

Mentre la speculazione del mercato è che le notizie non saranno così negative come l’anno scorso, i rischi permangono, soprattutto con i problemi di inflazione. C’è anche l’incertezza economica in corso.

Allo stato attuale, è probabile che il taglio dei tassi della RBA si concentrerà sul mercato immobiliare. Inoltre, il governo sta dicendo che ci saranno alcuni tagli dei tassi in altri settori come quello bancario e quello bancario.

Sulla base degli ultimi tassi di cambio, sussistono ancora incertezza e mancanza di consenso su cosa accadrà esattamente al prossimo annuncio di riduzione dei tassi bancari. La domanda è se le previsioni della Bank of England saranno prese in considerazione nel processo decisionale dall’RBA.

Non possiamo essere certi di come il prossimo annuncio di riduzione dei tassi RBA verrà fuori a causa dello stato caotico dei mercati finanziari. Ma il futuro sembra cupo per il dollaro australiano se non viene intrapresa alcuna azione per sostenere la valuta e rafforzare la fiducia.